antea Attività innovative per lo sviluppo
della filiera transfrontaliera del fiore edule
Facebook Instagram Twitter
Ignora collegamenti di navigazione
Select Language:
   

Università di Genova (UNIGE), Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica e Ambientale (DICCA)

http://www.dicca.unige.it/ita/index.html

Laboratorio di Ingegneria Alimentare
via Opera Pia, 15 - 16145 Genova

Patrizia Perego p.perego@unige.it
Bahar Aliakbarian bahar.aliakbarian@unige.it
Alessandro Alberto Casazza alessandro.casazza@unige.it
Pier Francesco Ferrari pier.francesco.ferrari@edu.unige.it
Margherita Pettinato margherita.pettinato@edu.unige.it

Metodologie e tecnologie a supporto del “gusto”

Messa a punto e ottimizzazione di tecnologie di estrazione non-convenzionali
La crescente domanda di sostanze naturali biologicamente attive a basso costo ha stimolato la ricerca per lo sfruttamento di svariate matrici vegetali. Queste sono considerate una valida ed economica risorsa di nutrienti ad alto valore aggiunto. A questo scopo è stato proposto l’utilizzo dei fiori eduli e delle foglie di piante aromatiche per l’estrazione e la successiva analisi e separazione dei composti di interesse alimentare e farmaceutico.


Laboratorio di Ingegneria Alimentare (Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica e Ambientale, Università degli Studi di Genova)

Gli oli essenziali vengono classicamente estratti da matrici vegetali mediante distillazione in corrente di vapore. Questa tecnica permette un parziale recupero della componente aromatica presente nella matrice vegetale. Per il recupero di oli essenziali e di altre molecole bioattive, alla classica idrodistillazione si affiancano tecniche più innovative che vedono l’ausilio di microonde, ultrasuoni, alte pressioni e alte temperature per migliorare le rese estrattive.
Verranno saggiate estrazioni non convenzionali che vedono l’ausilio di alte pressioni e temperature. Per tale metodologia saranno impiegati solventi differenti in modo da incrementare la resa estrattiva delle molecole di interesse riducendo il più possibile l’impatto ambientale ricorrendo a solventi green (come acqua ed etanolo).

Reattore HPTE (Parr instrument, 4560) HPLC-DAD Agilent serie 1100-1260.

Gli estratti ottenuti saranno caratterizzati in termini di polifenoli totali e flavonoidi totali e ne verrà valutato il potere antiradicalico. Saranno inoltre eseguite analisi HPLC-DAD al fine di caratterizzare i polifenoli presenti negli estratti. I campioni saranno inviati al DIFAR per una completa caratterizzazione e purificazione degli oli essenziali. Gli estratti più ricchi in molecole ad alto valore aggiunto saranno utilizzati in collaborazione con il DIBRIS per la formulazione di “smart packaging”.